Paulin Koibenta brochure 7-19

I 2 I | | Il 16 febbraio 2005 è entrato in vigore il Protocollo di Kyoto con l’obiettivo di fronteggiare la sempre più reale minaccia dell’effetto serra e dei cambiamenti climatici annessi. Sottoscritto nel 1997 da più di 160 nazioni, il trattato nasce con lo scopo di conciliare gli interessi dell’ambiente con quelli dell’economia e impone ai paesi firmatari di operare per ridurre in modo drastico le emissioni di gas serra entro il periodo 2008-2012. Al termine del protocollo di Kyoto (2012) l’Unione Europea ha pensato una serie di misure ulteriori con l’intento di portare avanti lo spirito di Kyoto nel decennio successivo. Questo pacchetto di misure denominato “Piano 20- 20-20” è così riassunto in estrema sintesi: ridurre le emissioni di gas serra del 20%, incrementare del 20% l’uso di fonti rinnovabili, ridurre del 20% i consumi di energia, il tutto entro il 2020 (rispetto al 1990). Lo scopo finale del provvedimento è quello di contrastare i cambiamenti climatici e promuovere l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili.

RkJQdWJsaXNoZXIy NzM3NTE=